Read about the petition:
English French Italian German Portugal Dutch Spanish Greek

View Official YouTube Teaser (HD)

UN MILIONE DI FIRME PER L’ “ EUROPA DELLA SOLIDARIETÀ’’

OBIETTIVO

Raccolta di un (1) milione di firme in formato elettronico. Le firme dovranno coprire, per estensione geografica e popolazione, quante più regioni europee sia possibile. Il testo con le firme verrà in seguito inviato al Presidente della Commissione Europea.

SCOPO DELLE FIRME

OPPOSIZIONE all’immiserimento economico ed all’assoggettamento nazionale e personale. Solidarietà nazionale. Ciò costituisce un enorme dovere e responsabilità.

CHIEDIAMO.

LA CANCELLAZIONE del gravoso Debito. Quando i Paesi di trovano in «stato di necessità» (tracollo del sistema sanitario, di istruzione, salari e pensioni), il pagamento del gravoso debito viene accantonato. A quel punto hanno la precedenza le necessità di sopravvivenza e di dignità dell’uomo.

NOTA:

L’articolo 8 del Trattato di Lisbona, che riguarda un (1) milione di firme, entrerà ufficialmente in vigore il 1/4/2012. Da quella data, i cittadini europei potranno presentare istanze per la votazione di Leggi nell’Unione Europea.

NECESSITÀ.

Sino ad allora la SEISACHTHEIA, deve aver raccolto un (1) milione di cittadini europei! Per rivendicare e sancire anche legislativamente la validità dello stato di necessità. (Quando il popolo patisce, lo strozzino non viene pagato).

UN MILIONE DI FIRME PER L’ “ EUROPA DELLA SOLIDARIETÀ’’




Egr. Sig. José Manuel Barroso,
Presidente della Commissione Europea
1049 Bruxelles, Belgio

Egregio Signor Presidente,
è duro constatare che l’Europa ha stabilito rapporti di usura nei confronti della Grecia (e di altri Stati). I tassi di interesse sui prestiti, ai quali la Troika concede prestiti alla Grecia, sono multipli di quelli a cui prendono prestiti gli Stati -finanziatori. (La Germania prende a prestito al 0,25 e poi concede in prestito alla Grecia al 5%).

La crisi in Grecia diventa causa di un inaccettabile arricchimento degli Stati membri. Cio è nella più completa negazione della solidarietà sociale. Il cannibalismo economico nei confronti di stati membri costituisce il maggior rischio per i valori dell’Europa.

ΙΙ. Le soluzioni avanzate NON sono sostenibili per la Grecia, e per la struttura economica europea in generale. I prestiti alla Grecia con tasso d’interesse massacrante, generano un debito maggiore, e naturalmente il deragliamento di ogni regolare funzione pubblica. La situazione RICHIEDE AZIONE IMMEDIATA.

Vi invitiamo, ai sensi dell’art. 8 del Trattato di Lisbona, a presentare alla Commissione Europea le seguenti proposte di voto :

-Che ogni membro cancelli unilateralmente la parte del debito pubblico che ricade nella categoria del «debito ignominioso». Tale è anche quello «greco». La maggior parte di esso consiste nella capitalizzazione degli interessi, che risalgono a molti decenni fa. Il capitale dei prestiti è stato pagato. INTERESSI SUGLI INTERESSI, cioè.

-Che sia stabilito il Principio dello «stato di necessità ». Quando le fondamenta economiche e politiche dello Stato sono minacciate dal fatto che si deva servire l’odioso debito (disoccupazione dilagante, collasso dei salari e delle pensioni, chiusura di ospedali, scuole, servizi sociali, degrado personale, ecc.) il rifiuto del suo pagamento è necessario e giustificato.
Share on Facebook:


Our only chance is sharing: